TRATTAMENTO CON ACIDO MANDELICO

Ciao ragazze!

In questo articolo vi spiego in cosa consiste il trattamento con Acido Mandelico che sto provando in questo periodo;

Innanzitutto iniziamo con il dire che prima di iniziare i trattamenti è bene sottoporsi ad un’accurata pulizia del viso in modo da preparare bene la pelle e far sì che l’acido possa penetrare per bene per svolgere il suo lavoro al meglio.

CHE COS’E’ L’ ACIDO MANDELICO

L’acido mandelico è un acido derivato dall’idrolisi di un estratto di mandorle amare che, per le sue peculiarità, viene utilizzato per combattere significativi inestetismi della cute tra cui il photo aging, l’iperpigmentazione e l’acne.

Il notevole interesse che questo prodotto sta suscitando in tutto il mondo nell’ambito della medicina estetica, deriva dal fatto che, anche ad elevate concentrazioni agisce senza procurare bruciori, tanto da essere definito peeling dolce. Per quanto riguarda i risultati, il prodotto è particolarmente attivo nella depigmentazione delle macchie della pelle e nella riparazione e rigenerazione della pelle invecchiata.

Per le sue proprietà antibiotiche e antibatteriche, si rivela molto efficace nell’acne infiammatoria. Combinato con altri acidi a bassa concentrazione, viene anche utilizzato per il trattamento di cicatrici e smagliature. Inoltre non essendo fotosensibile, è applicabile in tutti i periodi dell’anno senza controindicazioni nei periodi estivi.

QUANDO RICORRERE AL TRATTAMENTO CON ACIDO MANDELICO

  • Trattamento dell’acne volgare: indicazione per eccellenza dell’acido mandelico, grazie alle sue proprietà antibatteriche , capaci di ridurre la proliferazione del batterio dell’acne;
  • Trattamento delle discromie cutanee (es. macchie sulla pelle dovute al photo aging, macchie solari);
  • Trattamento di melasma, cloasma, lentiggini;
  • Trattamento ricompattante della pelle;
  • Trattamento antirughe (rimedio contro le rughe superficiali;
  • Trattamento alternativo contro la cuperose (migliora visibilmente i segni e i sintomi del disturbo);
  • Trattamento pre e post laser terapia, in quanto lenisce l’irritazione della pelle;
  • Trattamento di idratazione profonda (in associazione ad altre sostanze come acido jaluronico)

PERCHE” UTILIZZARE L’ACIDO MANDELICO

L’attività specifica e l’ampia gamma di indicazioni risiede in alcune caratteristiche, del tutto peculiari, dell’Acido Mandelico che sono:

  • Sicurezza d’impiego: la persistenza dell’Acido Mandelico, anche per molti minuti, non produce più di un semplice eritema ( può essere lasciato in posa per 15/20 minuti) ;
  • Uniformità di penetrazione;
  • Apprezzabile diminuzione delle rughe sottili;
  • Evidente attività schiarente;
  • Marcato effetto antibatterico, prezioso nel trattamento di cute acneica e seborroica o del post-operatorio di dermoabrasioni meccaniche o Laser resurfacing
  • Possibilità di effettuare i trattamenti anche nei periodi estivi

 COME SI SVOLGE IL TRATTAMENTO: STEP BY STEP

1- Per prima cosa viene deterso il viso con un latte Rivitalizzante Illuminante;

2- Viene applicato sul viso ( o sul corpo, in base alla zona da trattare) un Pre-Peeling che verrà palpeggiato con i polpastrelli per favorirne l’assorbimento e verrà poi risciacquato;

3- Con un pennellino piatto verrà steso il Peeling (l’acido) che verrà scelto in base al tipo di inestetismo da trattare, quindi Schiarente Acne e Rughe o Antimacchia, lasciato in posa per 20 minuti;

4- Verrà applicata una maschera sempre a base di Acido Mandelico che verrà lasciata in posa per 10 minuti e poi rimossa;

5- Verrà applicato un tonico rivitalizzante illuminante ed un abbondante strato di crema che verrà massaggiato fino al completo assorbimento;

Et Voilà, la vostra pelle apparirà subito più compatta e luminosa

Io personalmente ho scelto di farlo per combattere le macchie della pelle in quanto non ho mai sofferto di acne e per quanto riguarda le rughe ancora non ho grandi problemi, ma in ogni caso agisce su tutti questi inestetismi quindi ho preso 3 piccioni con una fava 

I risultati sono molto apprezzabili già dalle prime sedute.

In genere si consiglia una seduta ogni due settimane,

l’applicazione per dosi e tempi varia da persona a persona. Cicli da 5 a 10 sedute sono sufficienti per ottenere ottimi risultati.

Un trattamento che mi è piaciuto moltissimo e consiglio davvero a tutte quelle che soffrono di questi disturbi!

Spero che il post via sia piaciuto

Chiara 

Written By
More from chiara

RADIOFREQUENZA VISO E CORPO

LA RADIOFREQUENZA è UNA TECNICA DI RINGIOVANIMENTO che da qualche anno si...
Read More

Rispondi